Crea sito

Recensione “Le terrificanti avventure di Sabrina”, 1×07 “Il banchetto dei banchetti”

Il banchetto dei banchetti

Ogni cultura ha le proprie tradizioni, si sa. Quindi mentre in America a novembre si festeggia la Festa del Ringraziamento, le streghe di Greendale si preparano al loro “Banchetto dei banchetti”.

La settima puntata di questa fortunata serie Netflix è piuttosto singolare. Sicuramente non si può negare un crescendo di emozioni con il procedere delle puntate, e questa è fino ad ora quella che più lascia il segno. A prescindere dalla trama e dagli intrighi propri degli abitanti di Greendale, in questo episodio si parla di fede. E, ah si, di cannibalismo.

Il cuore dell’episodio sta nella contrapposizione di ciò che rappresentano Sabrina e Prudence. Un’umana con la stessa morale da umana, e una strega che ragiona da strega. Laicità e religiosità. Sabrina, che rappresenta la razionalità, cerca di convincere Prudence a non sacrificarsi per il “Banchetto dei banchetti”, la quale ha una fede incondizionata verso la sua chiesa. Insomma, anche trattandosi di un contesto surreale, è innegabile che questa rappresenta una situazione familiare. Questo perché ogni persona al mondo crede di avere le risposte giuste, e spesso il confronto con altri non riesce a scalfire quelle convinzioni.

Per questioni di trama qui le cose andranno un po’ diversamente. Sabrina doveva neccessariamente dimostrare di aver ragione, o Prudence sarebbe stata uccisa. Cosa che sarebbe stata assolutamente insensata per lo sviluppo della serie, visto che Prudence è un personaggio interessante e su cui si punterà maggiormente in seguito.

Nonostante queste riflessioni sull’andamento della puntata, non si può tralasciare un commento sugli atti di cannibalismo rappresentati. Se dai film horror si è abituati ad assistere a scene crude e a non batter ciglio, in questo caso è differente. Perché qui la differenza sta nel fatto che l’atto non è un atto di violenza fine a se stesso, ma è motivato con enfasi e orgoglio. Anzi, addirittura accolto con entusiasmo, da persone che (seppur streghe) sembrano assolutamente normali, civili. Qui infatti non si tratta di opere di un pazzo sadico, ma di riti sacri, tradizioni. E a mettere i brividi e proprio questo. Se la produzione voleva dare una scossa al pubblico, complimenti, ci sono riusciti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.