Crea sito

This is Us – Recensione 4×16 – New York, New York

New York, New York.

Finalmente una puntata che racconta un poco di più sulla mia amata Rebecca. La nota stonata di questo episodio, purtroppo, è l’egoismo di Randall (di cui, detto fra di noi, sinceramente non mi ero accorta).

Forse è l’unico episodio in cui temporalmente c’è una base più reale: si vede nel primo frame Rebecca da bambina guardare qualcosa (che poi scopriamo essere un qualcuno) al Met, successivamente lei da moglie che attende di poter realizzare la sua richiesta e dunque entrare nuovamente al museo ma con la sua famiglia, ed infine lei madre di tre adolescenti a New York il cui unico momento di fuga sembra essere proprio il Met ma a cui è costretta a rinunciare.

Nel presente, Randall decide di discutere con i suoi di un programma sperimentale in cui vorrebbe far entrare la madre a causa del suo deficit cognitivo, però mentre Kate sembra convincersi, Kevin non lo è per nulla e decidono di parlarne alla madre durante la premiere del film di quest’ultimo.

GUARDA ANCHE:

This Is Us – 4×17 – After the Fire – Promo

Il giorno della prima, Kevin sembra essere riuscito a convincere il fratello a non parlare del programma alla madre durante quella giornata e farle passare una serata da regina. Alla festa dopo il film Randall mostra il suo egoismo in tutto il suo splendore parlando alla madre senza il fratello, allontanatosi per salutare alcuni colleghi; i fratelli discutono e Rebecca scappa nel suo rifugio (non tanto segreto) della città, il Met, in cui i figli la trovano e in cui lei comunica di non voler entrare nel programma. Sul finire Randall fa il suo strano monologo in cui accusa il fratello di essere troppo preso da sé stesso per capire che la madre ha bisogno di aiuto e dice di aver riflettuto molte volte su come sarebbe andata la loro vita se non fosse morto Jack.

Come hanno fatto dunque i produttori a nascondere così bene il vero carattere di Randall? Chi immaginava che dietro quell’altruismo si nascondeva questa mania di controllo (anche se dopo il tentato furto qualcosa lo avevamo immaginato)?

Io credo che non si può immaginare cosa potrebbe accadere perché sinceramente è diventato impossibile!

  • Sookie

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.