Crea sito

This is Us: Recensione 4×02 – Pool party: part two

Nel quarto episodio della prima stagione intitolato The Pool, i Pearson si trovano a trascorrere una giornata d’estate in una piscina comunale, durante la quale sono costretti a scontrarsi con i diversi problemi dei figli.

Nella puntata che è andata in onda ieri, intitolata The Pool: Part Two, Jack e Rebecca decidono di trascorrere una giornata in quella stessa piscina e si ritrovano a contrastare le nuove difficoltà dei figli; Kate e Toby si scontrano nuovamente con la cecità del figlio e chiedono l’aiuto di una professionista che li aiuti a far vivere il piccolo Jack serenamente, tuttavia Toby  non comprende pienamente il comportamento della moglie e lei ripete a voce alta ciò che si deve fare affinché il figlio stia bene…vuole convincere noi spettatori, perché è come se si rivolgesse alla camera, o vuole convincere se stessa di quello che sta accadendo, di cui si sente responsabile?

Kevin invece, forse a causa della richiesta di aiuto dello zio, comincia a capire chi veramente sia durante un parallelismo tra il discorso che suo padre fece a lui e quello che lui stesso fa al piccolo nipote.

Infine i Pearson a Philadelphia si scontrano con quelle stesse difficoltà che Rebecca e Jack avevano affrontato in precedenza.

Devo dirvi la verità, questo episodio non ha attirato particolarmente la mia attenzione (diversamente da Milo Ventimiglia…) e soprattutto non mi ha fatto dire WOW come la scorsa volta, però gli autori sono stati in grado di raccontare una storia da un punto di vista più umano del solito, mi hanno fatto capire cioè quello che effettivamente i protagonisti stavano provando rispetto alle situazioni che stanno attraversando.

Mi ripeterò dicendo che questa stagione mi sembra molto più attraente della precedente, sebbene siamo agli inizi e sebbene non ci siano stati molti colpi di scena.

  • Sookie

GUARDA ANCHE:

This Is Us – 4×03 – Unhinged – Promo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.