The Good Doctor – Recensioni episodi 2×12 e 2×13

2×12 – AFTERMATH

Che dire, riprendersi da una quarantena come quella messa in scena dagli scorsi due episodi di The Good Doctor non è impresa facile. Non vi nego di aver temuto l’infarto durante tutti quei 90 minuti.

Ma anche adesso che il peggio è passato, ci troviamo insieme ai protagonisti a fare i conti con tutte le ferite lasciate da quel terribile evento.

Nell’episodio “Aftermath” assistiamo ad una sorta di rinascita: tutti hanno sofferto, e adesso non resta che rimettere insieme i pezzi e medicare le ferite.

Prima di tutto il San Jose St. Bonaventure Hospital, che si ritroverà al centro di indagini esterne in seguito agli eventi catastrofici della quarantena, insieme al suo direttore Marcus Andrews, accusato di voler far troppo il “tuttofare” all’interno dell’ospedale. Riuscirà a salvare la sua posizione e tutto il suo team?

C’è poi la Dottoressa Lim, che dopo aver sfiorato la morte deve pensare a curare non solo il suo corpo ma anche il cuore: che ne sarà della sua storia, se così possiamo definirla, con Melendez? Entrambi sembrano infatti voler procedere in maniera molto cauta (fuori dalla camera da letto, almeno), forse fin troppo. I loro caratteri forti sono destinati ad entrare continuamente in conflitto ma tutto ciò che conta, alla fine, è saper trovare un nuovo equilibrio ed entrambi sembrano decisi a volerlo cercare. Personalmente, non mi sento ancora troppo trascinata da questa coppia. Non ho ancora visto la chimica, manca convinzione (ma spero di sbagliarmi).

Morgan e Claire invece sono una delle grandi sorprese di questo episodio: finalmente sembrano fare davvero qualche passo l’una verso l’altra (sono convinta che tutti stavate aspettando questo momento almeno quanto me!). Insieme sono dolcissime, un team esplosivo. Entrambe devastate, Morgan dalla morte del suo nuovo amore e Claire dai problemi della madre, riusciranno a farsi forza a vicenda e a riprendere in mano la situazione.

Anche il Dottor Park può finalmente tirare un sospiro di sollievo e riabbracciare suo figlio sano e salvo. Ma per lui le gioie non sono finite: insieme al figlio ritroverà infatti anche la sua vecchia fiamma (con tanto di problemi correlati). Sono sicura che le scintille nate in questo episodio diventeranno dei veri e propri fuochi d’artificio nel corso della stagione! Lo ammetto, ho il cuore debole e sono già una fan sfegatata della coppia.

Il Dottor Glassman invece, sempre ben cosciente della propria situazione, ci mostra un nuovo lato di se’ in questo episodio, meno spaventato e più ribelle. Vediamo così un Glassy felice, che cerca di socializzare come un qualsiasi adolescente imbarazzato e si diverte come un matto a guidare un go kart.

 

In conclusione: un bell’episodio, che ci porta finalmente fuori dall’ospedale e ci fa vivere accanto ai protagonisti. Ho apprezzato tanto questo cambio di punto di vista e gli spaccati di vita privata che ci hanno voluto regalare.

Un messaggio importante quello che traspare dalla puntata: nessuno può farcela sempre da solo. Arrivano momenti nella vita in cui non bisogna vergognarsi di chiedere aiuto o di affidarsi agli altri. Certe volte si ha solo bisogno di una spalla su cui piangere, di una mano in più, o anche solo di qualcuno che sappia farci ridere. E va bene così.

Alla fine ci ritroviamo con alcuni problemi risolti ma molte altre strade nuove tutte da esplorare: un’udienza alle porte, nuove relazioni amorose appena iniziate ma soprattutto…Lea, che intenzioni hai? Vi confesso che inizio seriamente a temere per il cuoricino di Shaun.

 

VOTO: 8

 

2×13 – XIN

Al St. Bonaventure Hospital è tornata la tranquillità (se così la possiamo definire). Questo episodio ci riporta alle origini, a prima del disastro della quarantena, con due casi in pieno stile The Good Doctor, coinvolgenti e commoventi. L’intero episodio vuole far capire allo spettatore qualcosa in più sull’autismo e sulla figura di Shaun, e per farlo ci mostra il caso di due giovani coinquilini, entrambi affetti da autismo, Javi e Lana. Quest’ultima deve sottoporsi ad un intervento estremamente rischioso e Javi si dimostrerà essere molto più di un semplice compagno di stanza. La giovane coppia ci regala alcuni dei momenti più dolci di tutta la stagione, ma serve anche da modello per Shaun, che in loro rivede la sua storia con Lea.

A proposito di Lea, la sua relazione con Shaun prende ancora una nuova direzione, stavolta molto lontana dall’amore. Infatti, proprio quando Shaun era riuscito a fare un po’ di chiarezza con i propri sentimenti, ecco che Lea decide di spezzargli il cuore facendo dieci passi nella direzione opposta (e andando così a finire dritta tra le braccia di Jake). Non sarà facile per nessuno accettare la nuova situazione e iniziare a dividere l’appartamento in tre, quel che è certo però è che tra Lea e Shaun esiste un legame nascosto ormai difficile da distruggere. Sono certa che ne vedremo delle belle!

Dopo la delusione con Lea, Shaun torna nel suo luogo sicuro, ovvero a fianco del Dottor Glassman. Le scene tra i due sono tra le più emozionanti dell’intero telefilm, senza ombra di dubbio. Ogni loro interazione, che sia di rabbia furiosa o di estremo affetto, sa essere estremamente coinvolgente e tiene lo spettatore attaccato allo schermo.

Per il resto, l’episodio mantiene la struttura classica che ormai contraddistingue questa serie, senza particolari focus su altri personaggi.

Melendez e la Lim non sembrano ancora aver intenzione di mettere la loro storia sotto ai riflettori, mentre Morgan si dimostra ancora una volta una persona dal cuore tenero.

Speriamo che i cambiamenti avvenuti in questi ultimi episodi non cadano nel vuoto ma portino la serie ad esplorare nuove tematiche e a mostrare una vera evoluzione dei personaggi, che devono prendere piena coscienza di se’ e delle loro azioni.

La tenerezza e le scene strappalacrime sono sempre gradite, ma l’asticella è alta e ci aspettiamo tutti qualcosa in più.

 

VOTO: 7

 

ChiaraM

Precedente Quicksand | Teaser ufficiale - Stagione 1 [HD] | Netflix Successivo ABC rinnova The Good Doctor e A million little things

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.