Crea sito

The Good Doctor – Recensione 1×10 – “Sacrifice”

“Sacrifice” è il decimo episodio della prima stagione di The Good Doctor, in più è il midseason finale della serie e quindi rappresenta l’apice di questa prima parte di stagione. Sin dal pilot questa serie aveva convinto per la sua capacità di concentrarsi sui personaggi e il loro sviluppo, ma qui la serie fa un passo avanti migliorandosi ancora una volta. Se infatti negli scorsi episodi i pazienti erano solo una “scusa” per permettere lo sviluppo dei personaggi, in “Sacrifice” vengono approfonditi anche i pazienti che influenzeranno i dottori, in particolare il dottor Murphy.

E’ innegabile che il punto di forza principale della serie sia Shaun che qui raggiunge il suo apice, cosi come la serie. Sin dall’inizio Shaun fa di tutto per non incontrare la terapista e durante il corso dell’episodio, grazie i consigli non richiesti dal paziente che sta curando, capisce che deve imparare a dire no, a prendere da solo le decisioni che lo riguardano e a fare “il cavolo che gli pare”. Questo può essere positivo per una persona “normale”, ma per chi è affetto dalla patologia di Murphy può essere molto rischioso. Infatti, dopo le tante insistenze del dottor Glass per vedere la terapista, Shaun non riesce più a contenersi ed esplode in quella che ad oggi è la scena più riuscita ed emozionante della serie. Vedere il protagonista raggiunge il suo limite è stato emozionate e convincente e il cliffhanger finale lancia tanti dubbi sulla serie e sul suo protagonista. E’ abbastanza scontato che questa situazione verrà risolta già nel prossimo episodio, ma se la messa in scena sarà come quella avuta in quest’episodio, il tutto sembrerà tutto tranne che scontato.

Il secondo caso medico è affidato a Claire che si trova davanti ad una paziente che si è spinta al limite pur di apparire più attraente agli occhi degli uomini per poter fare miglior affari, storia che si ricollega direttamente a quello che succede personalmente alla dottoressa. Il medico in capo del caso, infatti, farà delle avance abbastanza esplicite a Claire che reagendo con un deciso no scatenerà l’ira del dottore. Il tema delle molestie è molto attuale nel cinema e televisione americano in questo periodo e quindi questo è il momento perfetto per raccontare questa storia che sicuramente avrà un fortissimo impatto sullo sviluppo di Claire e del dottor Kalu, che nel finale viene licenziato per aver difeso la dottoressa. In conclusione si può dire che in questo finale di metà stagione The Good Doctor raggiunge il suo apice e convince più che mai grazie ad una cura dei dettagli che ha portato ad un emozionale finale. La speranza è che la serie riprenda da dove abbia lasciato, non solo per la storia, ma soprattutto per la qualità di ogni suo aspetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.