The Defenders – Recensione episodio 1×01

The Defenders è la nuova serie del progetto Marvel/Netflix preceduta dalle quattro serie dedicate agli eroi protagonisti della serie, in pieno stile Fase 1 del Marvel Cinematic Universe che si concluse con il crossover The Avengers. Quindi il progetto si pone come apice di questi primi due anni di collaborazione tra Marvel e Netflix e stando al primo episodio l’obbiettivo è stato raggiunto.

Il titolo italiano del primo episodio è “ Una famosa supereroina” che in realtà non rispetta, nella sua completezza, la totalità dell’episodio. In sostanza questo è un puro episodio di introduzione, ma non solo di un personaggio, ma di tutti gli eroi protagonisti. Per questo il ritmo pacato e abbastanza lento è perfettamente funzionale e soprattutto non annoia chi guarda. La trama sostanzialmente è divisa in cinque parti distinti e solo apparentemente separate: ovviamente quattro di queste storie sono dedicate ai quattro eroi protagonisti e in aggiunta si inizia a narrare la storia di Alexandra che sembra essere la villain principale della serie. Bisogna dire che era difficile riuscire ad introdurre in modo efficace Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage e Iron Fist perché ognuno di loro veniva dalle rispettive serie e quindi da varie situazioni lasciate in sospeso che era difficile risolvere tutte insieme, ma la serie ci è riuscito abbastanza bene. Come prima cosa si inizia da dove Netflix ci aveva lasciato, cioè da Iron Fist, che, dopo il cliffhanger che ha caratterizzato la fine della prima stagione è in cerca della Mano per distruggerla e cercare di rimettere letteralmente apposto K’un Lun e quindi ritorna a New York dopo essere stato informato che la vera guerra è nella sua città natale. Poi viene introdotta Jessica Jones che nonostante abbia sconfitto il suo demone di nome Kilgrave, non accetta in nessun modo di essere chiamata eroina, ma vuole semplicemente continuare la sua vita da alcolizzata e squattrinata detective. Poi è il turno di Luke Cage che appena esce dal carcere si rimette subito sulle tracce di coloro che fanno del male ad Harlam, ma anche lui rifiuta di essere chiato eroe. E infine viene introdotto Matt Murdock che ormai ha lasciato la sua vita notturna nei panni di Daredevil e continua la sua carriera da avvocato accettando casi pro bono. Tutte queste introduzioni risultano efficaci e accattivanti perché permettono a chi ha visto le serie “individualiste” di riallacciarsi a tutte e quattro e soprattutto permette a chi non le ha viste, o ne ha viste solo alcune, di avere una introduzione soddisfacente che permette di capire chi sono i protagonisti e quali sono le loro motivazioni. Poi è il turno di Alexandra, che compare poco, ma già da queste poche scene sembra essere una villain davvero considerevole e che potrà mettere davvero in difficoltà i quattro eroi protagonisti.

La regia è ottima per tutto l’episodio con qualche inquadratura di spessore elevatissimo che rendono il tutto ancora più efficace e coinvolgente. Almeno per il momento, quindi, anche chi non ha visto le altre serie può avvicinarsi a The Defenders, ma bisognerà vedere il proseguo per capire se effettivamente si possono capire gli avvenimenti anche senza le serie rpecedenti. In sostanza The Defenders parte con il piede giusto e permette di avere una piena fiducia nel proseguo dei prossimi sette episodi. Miglior partenza non ci poteva essere, ora tocca alla serie confermarsi su grandi livelli.

Vi aspettiamo nella nostra pagina facebook, QUI!

Precedente Salvation - Recensione 1x08 - “From Russia, with Love” Successivo Stranger Things 2 - Fanmade teaser

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.