Crea sito

Stranger Things – Si pensa già alla terza stagione + Will avrà un ruolo importante nella seconda

I PRODUTTORI DI “STRANGER THINGS” AVEVANO TROPPO DA RACCONTARE NELLA SECONDA STAGIONE, QUINDI SONO GIA’ PRONTI PER LA TERZA

Dobbiamo ancora sopportare pochi mesi vagando senza meta nel Sottosopra prima che Stranger Things ritorni con la seconda stagione, ma fortunatamente iniziamo a ricevere alcune informazioni dai collaboratori che stanno nelle retrovie della serie riguardo a ciò che possiamo aspettarci nei prossimi episodi.

Ad un recente evento di Netflix, il regista e produttore esecutivo Shawn Levy ha dato a Mashable qualche indizio sul processo di realizzazione della seconda stagione – incluse tantissime idee di trama pensate per le nuove puntate.

“Gli episodi sono stati scritti dai fratelli Duffer, che hanno compreso di avere in mente troppi eventi per nove episodi. Questo ci ha costretto a fare una scelta su cosa mandare in onda in questa stagione,” ha sottolineato Levy. ” Quindi una sorpresa è che non tutte le nostre fantastiche idee saranno trasmesse in una stagione … se avessimo avuto 40 idee per la stagione, ne avremmo utilizzate 30, e le altre sarebbero rimaste nella nostra mente, sperando di essere impiegate in stagioni future”.

(Netflix non può già dare il via libera per la terza stagione?)

Ma il vero potere di Stranger Things non sta nei colpi di scena e nei simboli di genere, ma nei rapporti che diventano sempre più profondi in ogni episodio, secondo Levy.

“Per quanta densità in termini di storia ci sia nel nostro show, dobbiamo sostenere i personaggi – e i momenti e le relazioni tra i personaggi – più di tutto,” ha dichiarato. “Se smettessimo di essere ancorati ai personaggi e diventassimo puro genere, penso che arriveremmo al cuore pulsante di Stranger Things. Non si scrivono molti articoli su questo, ma penso che questi personaggi sullo schermo siano ciò che si apprezza di più”.

Un grande cambiamento nella seconda stagione sarà il rilievo dato a Will Byers (Noah Schnapp), che ha passato la maggior parte della prima stagione intrappolato nel Sottosopra, comunicando con sua madre, sconvolta, attraverso luci natalizie.

“Quando abbiamo scritturato i ragazzi, abbiamo scritturato Noah Schnapp per il ruolo di Will Byers sapendo che sarebbe stato presente solo in una piccola parte della prima stagione, perché era scomparso. E lo abbiamo scritturato perché sapevamo che quel ragazzo era speciale. Anche se sapevamo di non aver bisogno delle sue piene capacità per la prima stagione,”  ha detto Levy. “Will Byers occupa un posto davvero centrale nella seconda stagione. Noah si fa avanti in una maniera sconvolgente. Io e i fratelli Duffer, a seconda di chi sta dirigendo la puntata, continuiamo ad inviarci messaggi del tipo, “Cazzo, Noah sta andando alla grande!  E noi sapevamo che ce l’aveva nel sangue e che questo è il momento giusto per farlo entrare nel cuore della storia”.

La seconda stagione comprenderà anche numerosi nuovi membri del cast, tra cui Sean Astin, star del Signore degli Anelli e di Goonies e Drace Montgomery, successo di Power Rangers. Le loro performance passate hanno dato forma al modo in cui i loro personaggi sono stati creati, ha preannunciato Levy.

LEGGI ANCHE: TRAMA UFFICIALE DELLA SECONDA STAGIONE

“Direi che abbiamo ritenuto le performance dei nostri attori grandi fonti di ispirazione scritturando persone come Sean Austin, il ragazzo nuovo; Drace Montgomery, il ragazzo nuovo, Sadie Sink … non appena abbiamo visto il loro lavoro negli episodi, i fratelli Duffer, riconoscendo forza, hanno ritenuto necessario sostenere questi personaggi ancora di più nel corso dell’intera stagione, ” ha detto in maniera scherzosa. ” L’esempio perfetto è il fatto che, nella prima stagione, Steve Harrington doveva essere un personaggio più saltuario. Abbiamo visto il lavoro di Joe Keery e abbiamo deciso di premiarlo con una parte più consistente nella storia, più sfumature, più dimensione del personaggio. La stessa cosa sta accadendo con molti nuovi personaggi quest’anno”.

Siccome è ambientata negli anni 80, Stranger Things è in qualche modo libera da commenti sulla politica in cui molte serie attuali si trovano inavvertitamente invischiate a seguito delle elezioni presidenziali di novembre, ma Levy puntualizza che la serie sta senza dubbio dalla parte degli sfavoriti.

“La verità è che molti di noi provano sentimenti forti. Siamo desiderosi di usare Stranger Things, grazie alla sua popolarità, come una specie di podio o pulpito. E’ innegabile che il fondamento di Stranger Things sia sempre stato il tema degli emarginati. I ragazzi, gli adolescenti, gli adulti, tutti sono in parte feriti – quasi nessuno è a suo agio nella società in maniera normale, popolare,” osserva. “Credo che il motivo per cui lo show è stato accolto così bene, il motivo per cui Barb è stata accettata così bene, sia perché tutti ci sentiamo un po’ come quegli emarginati e perché la nostra serie mostra cosa ci sia di eroico nella differenza. Amo questa cosa del nostro show. Questo non è necessariamente un commento letterale di ciò che sta succedendo, ma se fosse un commento non intenzionale sul nostro tempo, ne sarei esaltato”.

La seconda stagione di Stranger Things debutterà il 31 ottobre con 9 episodi su Netflix.

Traduzione di Martina Torrini per Non solo Serie TV e Stranger Things Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.