Recensione The Big Bang Theory 10×21 – “The Separation Agitation”

E anche il ventunesimo episodio è filato via liscio, senza grossi scossoni. La nostra febbricitante attesa di scoprire come evolverà il personaggio di Raj in una stagione che ha avuto poco da dire continua e ormai ci chiediamo anche se ci sarà sufficiente tempo per sviluppare un approfondimento psicologico del personaggio, interpretato da Kunal Nayyar, in modo adeguato.

A farla da padrone in questa puntata, accanto al delirante programma youtube di Sheldon dedicato alle bandiere, a farla da padrone sono state le esitazioni di Bernadette ed Howard a lasciare la figlia, Halley, all’asilo del campus dopo quattro mesi dalla nascita della bimba e la improbabile storia d’amore fra il geologo Bert e un’attraente giovane personal trainer.

Durante l’episodio vediamo, a tratti, uno smalto e una brillantezza nelle battute dei protagonisti che mancavano da diverso tempo. I commenti si rivelano sprezzanti, sagaci e, a volte, persino caustici, specialmente in riferimento alla relazione fra Bert e questa giovane bionda, la quale si lega a Bert per motivazioni puramente economiche. The Big Bang Theory decide di essere politicamente scorretto, nel rendere quasi accettabile che uno scienziato – magari poco attraente – come Bert possa accontentarsi di “pagare” per l’”amore” di una ragazza sexy. I paragoni con la relazione fra Penny e Leonard sono, ovviamente, dietro l’angolo, per gentile cortesia di un – come sempre – troppo sincero Sheldon Cooper. E, tuttavia, malgrado la tematica scorretta e la ripetitività di alcuni sketch, questa puntata risulta piacevole da guardare e ci permette di passare venti minuti tra risate e spensieratezza.

Continuiamo ad aspettarci di più a livello di narrazione e trama, ma per intanto riusciamo quasi ad accontentarci di un nuovo innalzamento del livello comico.

Precedente Star Wars: Gli ultimi Jedi - Teaser + Poster ufficiali Successivo Fear the Walking Dead - Rinnovato per una quarta stagione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.