Pretty Little Liars – Recensione 7×13 – Hold your piece

Nella puntata di questa settimana, alcuni personaggi minori di cui non sentivamo parlare da tanto sono ritornati in scena: si tratta di Sydney e Lucas, la prima come sospetta A.D. o complice di Jenna e il secondo come benefattore di Hanna e collegamento tra la ragazza ed alcuni imprenditori giapponesi interessati alla sua linea di moda. Oltre a questi, anche Toby ed Yvonne ritornano ad avere una parte importante nella vicenda: si racconta di come la ragazza riesca finalmente ad uscire dal coma, di come i due decidano di sposarsi in ospedale e di come lei muoia tragicamente poco dopo la cerimonia.

All’inizio dell’episodio, Spencer viene svegliata dal pianto di un bambino, che sembra provenire da un sogno, ma in realtà arriva dal dispositivo digitale inserito nel gioco da tavolo. Il pianto non si ferma e Spencer decide di chiamare le altre liars, con l’intenzione di affidare il gioco ad una di loro. E’ Hanna la persona designata da A.D. a continuare il gioco,  perché, una volta nelle sue mani, il pianto proveniente dall’oggetto si placa.

Anche in questa puntata, le diverse storie delle ragazze si intrecciano raramente, fatta eccezione per i momenti di collaborazione tra Aria ed Emily, determinate a scoprire il ruolo di Sydney nella faccenda A.D. e il suo collegamento con Jenna. Vediamo quindi insieme quali sono stati in momenti più salienti di ciascuna storyline.

HANNA

Tutto sembra andare per il verso sbagliato per Hanna in questo episodio: la foto del suo vestito, indossato dalla figlia del senatore ad un galà, è sul giornale, ma i commenti negativi non tardano ad arrivare. Infatti poco dopo, su un blog di moda, viene pubblicato un articolo in cui si sostiene che l’abito di Hanna sia stato copiato: è evidente lo zampino di A.D. Le ragazze pensano si tratti di Jenna e che questa possa avere agito grazie all’aiuto di Sydney, sulla quale decidono di fare delle ricerche.

Nel frattempo arriva il turno di Hanna per il gioco. La ragazza riceve un messaggio, nel quale le viene richiesto di aprire la porta del suo appartamento, alla quale qualcuno sta bussando. Trovandosi in casa con Caleb, la ragazza non può più nascondergli la verità sul gioco da tavolo. I due aprono la porta e trovano una bambola a grandezza naturale con il volto di Hanna, coperta in viso e su alcune parti del corpo da punti di sutura.  Tirando una corda posizionata sulla sua schiena, la bambola parla e dice di guardare nell’appendice. Non capendo il vero significato della frase, Hanna decide di consultare l’appendice di tutti i libri presenti in casa sua, non trovando alcun messaggio utile; ma esaminando bene il corpo della bambola, nota una cicatrice sulla sua pancia, proprio in prossimità dell’appendice presente nel corpo umano: facendo un taglio su quella parte riesce ad estrarre una busta contenente un vestito molto corto realizzato per assomigliare ad un kimono giapponese. In seguito, Hanna riceve un messaggio da A.D., che la informa che dovrà indossare quell’abito all’incontro che le ha organizzato Lucas con degli investitori giapponesi, molto interessati alla sua linea di moda, che però si sarebbero sicuramente offesi se lei si fosse presentata con un vestito del genere.

Ancora una volta, A.D. cerca in tutti i modi di rovinare la vita delle protagoniste: il fallimento dell’incontro con gli investitori avrebbe portato alla distruzione del sogno di Hanna, ma il suo successo avrebbe portato alla rivelazione, da parte di A.D., di segreti inconfessabili sulle ragazze, che avrebbero sicuramente fatto loro passare il resto della vita in prigione.

Anche Caleb decide di impegnarsi a scoprire la verità riguardo al gioco, promettendo ad Hanna che sarebbe riuscito a capirne il meccanismo e il mittente prima dell’incontro con gli investitori. Cerca in tutti i modi di smontarlo, ma sembra impossibile: quando trova il modo, staccando una delle casette dalla base, uno strano gas che gli rende difficile la respirazione esce dal buco lasciato dal pezzo mancante. Fortunatamente, Spencer è appena rientrata a casa, dove Caleb stava esaminando il gioco, e lo porta in ospedale, dove poco dopo riesce a riprendersi.

Contemporaneamente Hanna, avendo saputo da Spencer che Caleb è in ospedale, è costretta ad andare via dall’incontro con gli investitori poco prima dell’inizio. Ha perso la partita contro A.D.

SPENCER

In questo episodio, Spencer ha un ruolo piuttosto marginale. Tutta la sua vicenda si incentra sugli incontri con due personaggi: Toby e Marco. La ragazza si imbatte inizialmente in Toby nel locale di Ezra, dove lui le dice che Yvonne sta meglio e sta per uscire dal coma; lo incontrerà poi nuovamente verso la fine della puntata, in ospedale, quando scoprirà che in realtà Yvonne è appena morta. Marco, invece, non si mostra più a Spencer sotto le vesti di poliziotto, ma le chiede di uscire per farla distrarre dai problemi e dai pensieri che la stanno assorbendo negli ultimi tempi: lei accetta e lui decide di portarla a giocare a ping-pong, attività che permette loro di distrarsi e di lasciarsi andare ad un bacio.

 

ARIA & EMILY

 

Aria ed Emily collaborano per comprendere il collegamento tra Sydney e Jenna e il suo legame con la storia di A.D. Inizialmente indagano sulla ragazza per apprendere cosa faccia nella vita e dove si trovi, scoprendo che è laureata in economia, che lavora in banca a contatto con clienti molto molto ricchi e che aveva partecipato al galà a cui era presente anche la figlia del senatore che indossava il vestito di Hanna. Sydney le aveva scattato una foto, così le due protagoniste ipotizzano sia stata lei a scrivere sul blog di moda che il vestito era stato copiato.

Attraverso queste informazioni, Aria ed Emily possono dirigersi verso l’ufficio dove Sydney lavora, determinate ad hackerare il suo cellulare tramite un dispositivo dato loro da Caleb. Secondo il loro piano, Emily deve trattenere la ragazza per permettere ad Aria di avere tempo per accedere ai dati del suo telefono. Così Emily ferma Sydney per strada e le domanda del suo legame con Jenna: la ragazza le dice che vuole tagliare i ponti con lei perché sta diventando pericolosa. Nel frattempo, Aria riesce nel suo intento e scopre che Sydney ha un appuntamento con un oculista per pagare un’operazione, probabilmente per Jenna. Le due protagoniste la seguono all’appuntamento e sentono quello che sta dicendo all’accettazione: Sydney vuole pagare l’anticipo per l’operazione a nome A.D., le iniziali di “anonymous donor” ( benefattore anonimo).

Sarà lei A.D.? O è un’altra pedina di Jenna? Aria ed Emily vogliono spiegazioni, quindi fermano Sydney all’uscita dalla clinica. Lei dice loro di non conoscere nessuno con le iniziali A.D., ma che queste rappresentano un cliente che vuole restare anonimo. Non soddisfatte dalle risposte, le due mettono di nascosto un GPS nella borsa della ragazza e decidono subito di seguirla.

 

La puntata si conclude con una scena in cui la polizia di Rosewood riceve una busta contenente un dito mozzato di una persona. A chi apparterrà?

Sydney avrà veramente un ruolo determinante nella persecuzione contro le protagoniste? O sarà soltanto l’ennesimo depistaggio?

Cosa succederà a Hanna dopo aver perso la partita?

Abbiamo ancora sette mosse per scoprirlo …

Alla prossima settimana!

Martina Torrini

Precedente Recensione Tredici 1x01 - Cassetta 1 Parte A Successivo Fear the Walking Dead - Prime foto promozionali della 3° stagione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.