Manifest – Recensione e commenti episodio 1×02 – Il rientro

Dopo le grandi premesse del pilot, Manifest ritorna con un secondo episodio.

Ci siamo lasciati con l’autodistruzione dell’aereo che ha reso impossibile alle autorità condurre delle indagini che possano spiegare la sparizione e conseguente riapparizione di ben 190 persone.

Agli occhi del mondo, però, la presenza di venti passeggeri durante l’esplosione ha scatenato ulteriori domande e curiosità. Sottoposti ad un nuovo interrogatorio, Ben e Michaela decidono di non raccontare delle voci e delle varie stranezze, temendo di attirare troppa attenzione.

La vita quotidiana, invece, è sempre più difficile. Ben tenta di riavvicinarsi alla figlia, Olive, che sembra respingere qualsiasi forma di riavvicinamento. Dal canto suo, Cal non si sente a casa. Ricerca continuamente vecchi giocattoli e vestiti che ormai non ci sono più. Lo stesso rapporto marito-moglie risulta essere strano per Ben e Grace. Quest’ultima, in particolare, nasconde un importante segreto al marito ritrovato. Per Ben le cose si complicano ulteriormente quando una musichetta comincia ad ossessionarlo. Presto scoprirà di non essere l’unico a sentirla. E come la volta precedente, questa strana forza gli permetterà di salvare la vita di un innocente.

Mentre per Michaela, la realtà è peggio di quanto si aspettasse. Partire per la Jamaica era stata una fuga da ciò

che l’attendeva: una proposta di matrimonio. Al suo ritorno, però, ritrova il fidanzato ormai sposato con la sua migliore amica. Non le resta altro che riprendersi il lavoro da poliziotta, ma l’iter per il reintegro non è affatto semplice. Soltanto grazie al supporto di una psicologa, riuscirà a mettere insieme i pezzi del suo passato.

Tutte le cose concorrono al bene

L’episodio si conclude positivamente:

  • Michaela può finalmente ritornare a lavorare e decide di riappacificarsi con la sua migliore amica.
  • Olive ha sempre creduto nel ritorno di suo fratello e del padre. Per questo motivo ha conservato tutti i loro oggetti.
  • Ben e Grace trovano il coraggio di essere sinceri l’uno con l’altro e di darsi una seconda chance.

Osservazioni interessanti:

  • Finalmente il segreto di Michaela è stato svelato: cinque mesi fa, guidando in stato di ebrezza, ha provocato un incidente stradale che ha causato la morte di una sua cara amica.
  • Grace e Ben sono spaventati per alcuni atteggiamenti ambigui che una passeggera ha avuto nei confronti di Cal.
  • Cal, nei suoi disegni, raffigura una strana presenza.
  • Non rispettando gli ordini delle autorità, una passeggera decide di raccontare la sua storia ai giornali. Tale scelta la condurrà alla morte.

Commento:

Il rientro a casa è il tema principale di questo secondo episodio. Anche se per i ‘’Returned’’ sono passati soltanto quattro giorni, devono scontrarsi con una realtà che li aveva quasi cancellati. E per quanto i loro cari tentino di non fargli sentire il peso della loro assenza, è un dato di fatto che essi avevano ormai perso la speranza. In cinque anni sono cambiate tante cose. In un modo o nell’altro, sono andati avanti e hanno ripreso in mano la propria vita, convinti della morte dei loro affetti.                                                                                                                          Grace, per esempio, è riuscita ad innamorarsi di un altro uomo. Anche il fidanzato di Michaela ha poi sposato un’altra donna. Sicuramente lo show ci mostrerà cosa succederà dal punto di vista sentimentale. Se saranno i vecchi amori a rifiorire o se i nuovi avranno la meglio. Tutti, però, sembrano essere bloccati tra il passato ed il presente. Tra ciò che avevano e ciò che hanno. Non ci resta che aspettare i prossimi episodi per scoprire cosa c’è in serbo per i nostri protagonisti.

Teresa

LEGGI ANCHE:

Manifest: Recensione e commenti episodio 1×01 – Pilot

Segui le pagine italiane: Manifest Italia | MANIFEST serie TV Italia

Precedente This is Us - Sottotitoli 3x04 - Vietnam Successivo Manifest – Recensione e commenti episodio 1×03 - Turbolenza

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.