Crea sito

Elite: recensione e commenti 1×05.

Siamo giunti ormai oltre la metà di questa serie, a questo punto dovremmo cominciare a tirar le somme o, perlomeno, a racapezzarci almeno un po’.
Il quinto episodio ci dà qualche informazione in più sul motivo per cui quasi tutti i protagonisti siano in conflitto con Marina, la vittima dell’omicidio.

Vediamo dunque insieme come, finalmente, vengano introdotti più dettagli che possono aiutarci ad arrivare al vero colpevole.

Durante una lezione Samuel viene sorpreso al cellulare e il professor Martin, per punizione, glielo sequestra e fa leggere alla sua compagna Nadia il messaggio che sta scrivendo in quel momento. E’ così che Nadia scopre – e rivela alla classe – la sieropositività di Marina. E’ a questo punto che Marina si avvicina a Carla – che scopriamo essere una sua amica d’infanzia con cui i rapporti si erano un po’ raffreddati – riprovando a ricucire l’amicizia di lunga data.

Arriva il compleanno di Guzman, alla piccola festa organizzata in famiglia ci sono anche i genitori di Carla, i quali regalano al festeggiato un costoso orologio, rivelando della collezione che possiedono in casa.

Samuel è sempre più innamorato di Marina e finalmente decidono di passare un po’ di tempo insieme e di ritagliarsi un po’ di intimità: durante la loro prima volta Samuel è molto impacciato e Marina, anziché tranquillizzarlo, ripensa alla notte con Nano.

E’ proprio grazie al suggerimento alla festa di Guzman che Marina escogita un piano per aiutare Nano a liberarsi dai sui debiti, si reca a casa di Carla con la scusa di passare del tempo da buone amiche e ruba il suo mazzo di chiavi, memorizzando anche il codice segreto dell’allarme.
Nano, così, riesce a rubare quindici orologi dalla collezione privata, tra cui uno particolarmente importante.

Nel frattempo Lu fa cadere nuovamente ai suoi piedi Guzman, che cede alla tentazione e finisce a letto con lei. Il giorno dopo sarà proprio la rivale a confessare a Nadia del giorno prima, lasciando la ragazza senza parole.
Tra Omar e Ander sembra finalmente andare a gonfie vele, fino a quando il primo, presentato agli amici di Ander come il proprio fidanzato, si arrabbia mandando tutto a monte, confessando di non riuscire a credere nel loro amore perché impossibile da mandare avanti.

L’episodio si conclude con un evento che colpisce Marina che, presa dallo sconforto e dalla confusione, abusa di marijuana e si sente male negli spogliatoi scolastici, cadendo per terra e sbattendo la testa.

Sarà il professor Martin a soccorrerla, insieme a Nadia e Carla, e scoprirà della piccola quantità di marijuana nelle tasche della ragazza. Marina non si lascerà cogliere impreparata e minaccerà il professore di rivelare il segreto tra lui e Lucrecia se lui rivelerà di questa scoperta.

Commenti

Ecco finalmente che nel grande calderone Elite vengono aggiunti un po’ di dettagli in più.
Dai flashback dell’interrogatorio abbiamo notato in più di un’occasione della rabbia repressa di Carla nei confronti della vittima, sarà forse perché erano amiche e poi hanno litigato? O forse Carla verrà a scoprire della rapina di Nano?
Alla probabile lista dei sospettati si aggiunge anche il professor Martin, credete possa essere stato lui ad uccidere la ragazza dopo esser stato minacciato anche da lei?

Abbiamo dovuto aspettare cinque episodi prima di vedere il senso delle vicende create attorno alla trama, e finalmente possiamo cominciare a sospettare dei protagonisti per dei validi motivi.
Fino ad ora la serie è sembrata più che altro un calderone di sesso e adolescenza, che lasciava da parte la vera trama e quel poco di thriller che gli autori hanno scelto di raccontare.
Finalmente – anche se ci ha impiegato un bel po’ – è riuscita ad uscire dal guscio di classico teen drama con sfumature da soap, entrando pian piano nella careggiata degli pseudo thriller, riuscendo a dare senso a questo omicidio che sembrava essere senza capo né coda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.