Crea sito

I Don’t Feel at Home in This World Anymore. L’esordio di Macon Blair.

I cineasti al loro esordio possono avere una diffusione maggiore della loro opera attraverso il Sundance Film Festival, nel quale ogni anno molti registi indipendenti tentano di proporre la loro opera prima nella speranza che possa ottenere consensi e fama internazionale. La pellicola in analisi è la vincitrice del premio U.S. Dramatic; questo ci interessa relativamente poiché non sempre prodotti audiovisivi vincitori di premi sono ottimi lungometraggi ed infatti, questo non è un ottima pellicola ma semplicemente di buona qualità. La rubrica “Occhio Al Talento” pone in analisi “I Don’t Feel at Home in This World Anymore”, scritto e diretto da Macon Blair.

L’incipit narrativo mostra la nostra protagonista come una donna triste e sola che lavora come infermiera in una clinica post-operatoria; al ritorno a casa, si accorge di un furto ma non avendo notizie dalla pseudo indagine della polizia si assume il ruolo di detective. Il soggetto è molto semplice e per nulla originale ma lo sviluppo narrativo prosegue sui binari giusti, in cui il regista Macon Blair riprende la narrazione con inquadrature fisse e movimenti di macchina lenti e “invisibili” cercando di creare con il montaggio, ad opera di Tomas Vengris, il giusto equilibrio tra ellissi e staticità nella narrazione.

La psicologia dei personaggi è tratteggiata con coerenza e intelligenza, trovando nei dialoghi però alcune incertezze di scrittura manifestate tramite reazioni umane non sempre plausibili. Un’altra mancanza della pellicola è data dall’assenza di una tematica incisiva che racchiuda l’anima dell’opera; la scelta di inserire una vena demenziale all’interno della narrazione funziona benissimo a tratti. Il duo formato dai due personaggi primari fornisce al lungometraggio una certa freschezza, non scegliendo una coppia comune; infatti essa dalle prime vicissitudini legate al furto, ci sembra essere male assortita ma con il proseguire degli eventi diventa il motore trainante della pellicola di Macon Blair.

La dualità del lungometraggio procede verso la commedia e il noir, componendo uno scenario assurdo in cui i personaggi agiscono d’istinto senza preoccuparsi delle conseguenze; di notevole riuscita è anche l’equilibrio tra la cupezza dei colpi di scena e il tono ironico che avvolge l’opera di buona fattura partorita dalla mente di Macon Blair.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.