Crea sito

Daredevil: 3×03 – Il castigo

Gli ultimi cinque minuti dell’ultima puntata ci hanno completamente lasciato senza fiato. Un attacco al convoglio di Fisk, una strage e un “salvatore” misterioso. Di chi si sta parlando viene presto detto: si tratta dell’agente Benjamin Poindexter. Fisk dopo averlo visto in azione quella notte, sembra essere particolarmente interessato alle sue doti, starà tramando un modo per riuscire a manipolare anche lui? Sicuramente in base a quanto si vede in questo episodio Dex non sembra essere una persona stabile ma comunque speriamo ci sia un approfondimento su di lui e sulla sua storia.

La mattina seguente l’attentato alla scorta di Fisk emerge pubblicamente il trasferimento di Fisk. L’indignazione è pubblica e invade le strade di Hell’s Kitchen tra cartelloni e cortei. Anche Matt scopre l’accaduto e per tutto questo episodio agisce in maniera impulsiva e avventata, guidato da una voce che rimbomba nella sua mente. Questa è la voce di Fisk, una vera e propria ossessione per Matt che continua ad avere dialoghi con questa presenza. La resa visiva di questa sorta di allucinazioni è ben riuscita: Fisk è presente come una figura sfocata sullo sfondo. In questo modo si riesce a rendere visivamente, ed in maniera molto intelligente, una presenza che è solo nella testa di Matt.

Foggy e Karen provano a vivere delle vite normali ma non appena scoprono del trasferimento di Fisk nella Penthouse non riescono a darsi pace. Ognuno a modo suo cerca di fare qualcosa ma tutto sembra essere solo uno spreco di energie.

Alla fine gli ultimi minuti dell’episodio ci concedono almeno qualcosa di “positivo”: Matt e Foggy finalmente si rivedono. Ci sembra incomprensibile perché Matt decida proprio ora di farsi rivedere e perché dica certe a cose a Foggy. Ma poi si vede l’ultima clip e forse tutto sembra essere più chiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.