Crea sito

Agents Of S.H.I.E.L.D. – Recensione 5×01 – 5×02 Orientation

Dopo un’ottima quarta stagione Agents Of S.H.I.E.L.D. riparte alla grande con un doppio episodio intitolato “Orientation Part I e Parte II”. Mai titolo fu più rappresentativo di quello che accade perché questa doppia premiere ha proprio la funzione di orientare sia lo spettatore che i personaggi in un mondo completamente nuovo e mai esplorato nella serie, cioè lo spazio.

Nella prima parte la sensazione preponderante è di disorientamento, infatti sin dall’inizio si fatica a capire il senso delle scene che si susseguono. Ma pian piano il tutto va al suo posto e si ricollega al cliffhanger con cui si era conclusa la scorsa stagione. Quindi sin dall’inizio è chiara l’intenzione degli autori di osare e impostare una storia emblematica, ma il meglio arriva in un secondo momento. Infatti dal momento che Coulson e gli altri agenti si risvegliano nello spazio si susseguiranno tutta una serie di eventi gestiti con grande attenzione e scrupolosità. Dall’incontro con nuovi personaggi, alle tante domande che sorgono, fino alle difficoltà degli agenti di ritrovarsi e capire cosa stia succedendo tutto funziona grazie ad un ritmo incalzante ed ad una perfetta miscela di azione, horror e commedia che non solo rende completo l’episodio sotto ogni punto di vista, ma soprattutto coinvolge completamente uno spettatore che non può rimanere stupito della grandissima cura per ogni singolo dettaglio. A rinforzare ancora di più il tutto c’è una fotografia oscura e tendente sempre al nero che da ancora di più una sensazione di soffocamento e paura. Un altro aspetto molto positivo di questa prima parte è come gli autori giochino con i personaggi e il pubblico. Gli agenti, e di conseguenza il pubblico, per tutto l’episodio viaggiano tra incertezze e domande senza avere risposte e se queste avvengono o portano altre domande o fanno viaggiare gli spettatori con la fantasia. E’ innegabile che alla pronuncia di “qualche catastrofico evento” gli spettatori abbiano pensato subito ad Infinity War e questo dimostra come la scrittura sappia davvero giocare con chi guarda in maniera divertente ed efficace. La risposta su dove sono i nostri protagonisti (e soprattutto sul quando) arriva alla fine della prima parte che lancia in maniera diretta verso la seconda.

Questa è sicuramente più riflessiva e con un ritmo più pacato rispetto alla prima parte, ma anche qui gli autori hanno messo in scena un episodio riuscito in ogni sua parte. Iniziano ad arrivare le prime risposte, si impostano i villain e le situazioni che verranno sviluppate nei prossimi episodi, senza mai dimenticare di porre altri quesiti che al momento restano senza risposta. Part II, quindi, è sulla falsa riga della prima parte, ma ne espande la storia e approfondisce alcune situazioni solo accennate in precedenza. In conclusione si può dire che non poteva esserci miglior partenza per una quinta stagione che porterà Agents Of S.H.I.E.L.D a superare i 100 episodi. La serie nel corso del tempo ha sempre dimostrato di sapersi migliorare e se si si pensava che sarebbe stato difficile migliorarsi ancora dalla quarta stagione, le premesse dicono che il potenziale per farlo c’è tutto, ora sta alla serie dare l’ennesima conferma della sua grande qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.