Recensione This is Us 2×12 – “Clooney”

Il dodicesimo episodio di questa stagione di This is Us è un episodio senz’altro molto difficile da descrivere, per la sua evidente frammentarietà e per il significativo numero di vicende e tematiche trattate. È una puntata che, per certi versi, crea anche una sorta di disincanto per la coppia che ci ha fatto sognare, forse più di ogni altra, ovvero quella composta da Beth e Randall.

Infatti probabilmente il punto più significativo di un episodio, che si è sviluppato da un pretesto (andare a fare shopping insieme al centro commerciale) e poi ha evidenziato come tutti i protagonisti della storia, nel presente o nel passato, avevano grandi sogni e progetti da portare avanti, è stato quello che ha visto Randall proporre a Beth di acquistare l’edificio in cui abitava William, per costruire delle abitazioni adeguate per coloro che ci vivono. E questo è stato il culmine di un piccolo dissidio, che, però, dice tanto all’interno della loro coppia. È sembrato, infatti, che Beth sia ormai stanca dei sogni e delle piroette mentali del marito, al quale adesso chiede di tornare ad avere degli impegni, degli obiettivi, per trovare equilibrio. E ciò fa emergere sicuramente una tematica degna di menzione, che sin dalle dimissioni di Randall era stata più che chiacchierata. E facciamo riferimento al fatto che difficilmente un individuo riesce ad essere equilibrato e parte di una coppia, se non ha dei capisaldi, dei punti di riferimento fissi nella sua vita personale.

Ci dispiace un po’ questo ritorno alla realtà, che, tuttavia, è un leit-motiv di This is Us che ci fa sempre capire come la realtà sia sempre molto più complessa di come la immaginiamo. E in questo TV Show senz’altro abbiamo dei personaggi straordinari che sono costretti a vivere una vita ordinaria, con tutte le imperfezioni del caso.

È sembrato attenuarsi il focus su Kevin, il quale – ci chiediamo adesso – sembra a un punto morto. E tutti siamo certamente più che curiosi di capire cosa ci dobbiamo aspettare dallo sviluppo della sua storia, che ha sicuramente rubato la scena nella prima parte di stagione.

Se dovessimo usare due parole per sintetizzare la complessità di questo episodio, comunque, queste sarebbero “problemi” e “progetti”, in quanto, forse, il desiderio ultimo degli Showrunners era quello di mettere in luce come soltanto portare avanti i nostri desideri e i nostri sogni di realizzazione possa essere la chiave giusta per affrontare e superare i problemi.

Precedente The Good Doctor - Recensione 1x12 - “Islands Part Two” Successivo The Gifted - Recensione 1x12 - “eXtraction” e 1x13 “X-roads” (Season Finale)

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.