Recensione Preacher 2×08 – “Holes”

L’ottavo episodio di questa seconda stagione ci regala tante bizzarrie, qualche risata e soprattutto lo sviluppo di alcuni fili narrativi destinati ad avere un picco nelle ultimissime puntate della serie.

È stato un episodio interlocutorio, forse, ma sicuramente interessante e che ha fatto breccia nel pubblico soprattutto per lo spazio dedicato ad Eugene e, nello specifico, al suo incubo di vedere Tracy innamorata di Jesse Custer, dopo aver sfiorato l’idea di essere ricambiato dalla ragazza che amava da tempo.

Holes, tuttavia, è uno di quegli episodi necessari nell’economia serie che sappia essere equilibrata e regalare momenti clou ed emozioni, incastonandoli in una trama logica e chiara. Infatti serve a mettere ulteriore attesa sull’arrivo di Herr Starr (in vista di un confronto finale con il predicatore?) e, allo stesso tempo, ci regala un focus particolare sulla evoluzione dello stesso Jesse e di Tulip.

Jesse sembra ormai essersi devoto alla sua causa, ma la sua ricerca di Dio viene frustrata in questa puntata dall’impossibilità di reperire indizi sull’identità di chi ha sparato all’interprete di Dio al fine di mandarlo in cielo, da cui avrebbe effettivamente potuto calarsi nel delicatissimo ruolo. È un’indagine paradossale che noi seguiamo con attenzione, ma anche con una divertita perplessità, ormai consapevoli che difficilmente i nostri eroi incontreranno Dio entro la fine della stagione in corso.

Tulip, invece, è un personaggio enigmatico, che sta sfoderando varie sfaccettature, e che ci incuriosisce molto. Sembra esitare in questo percorso di ricerca del divino e sembra sempre più allontanarsi da Jesse, dopo un inizio di stagione in cui pareva che il loro amore potesse essere uno dei pilastri dello show. E sembrerebbe lecito chiedersi cosa significhi tutto questo e quale sarà il suo ruolo nel finale della stagione e in un eventuale prosieguo della serie AMC.

Una puntata interlocutoria, dunque, non fosse altro che uno sviluppo significativo – e non ce lo saremmo aspettato – lo abbiamo avuto in relazione ai personaggi di Cassidy e di suo figlio, Denis. Ci vengono mostrati alcuni flashback del passato di Cassidy, che per la prima volta si cala nel surreale ruolo di padre di un individuo vecchio e malato, che sembrerebbe diposto a trasformare pur di salvargli la vita. Non si comprende bene quali siano gli intenti degli showrunner in merito a questa storyline. Se vogliano mostrarci nuovi lati del vampiro o se vogliano semplicemente introdurre nella serie più elementi connaturati al vampirismo e agli effetti di esso. Siamo, però, curiosi di comprendere cosa accadrà, e questo finale ad effetto sembrerebbe aver messo le premesse per un colpo di scena al pronti via della prossima puntata.

Precedente The Gifted - Online le foto promozionali dell'episodio pilota Successivo American Horror Story 7 – Teaser #19 "Maniacal Mystery Bus" – #ASHCult

Lascia un commento

*